Il paradiso degli orchi

Il paradiso degli orchi - www.liberonweb.itPer combattere la noia e perché volevo fare il pieno di libri, ieri mattina ho fatto un salto in biblioteca. Ci sono rimasta poco perché non volevo rimanere bloccata dalla pioggia, se fosse aumentata di intensità mentre mi attardavo.
Quando batteva sui vetri la pioviggine non colava, ma vi restava attaccata come goccioline, e quasi non faceva rumore; la sala semideserta era immelanconita dalle lampade giallastre. L’unica copia a scaffale de Il paradiso degli orchi, con le sue pagine molli e marroncine, la copertina slabbrata e la rilegatura tenuta insieme con il nastro adesivo, sembrava voler partecipare anche lei alla mesta atmosfera da pioggia della mattinata.

L’eroe nonché narratore è Benjamin Malaussène, professione Capro Espiatorio presso i Grandi Magazzini. Il suo lavoro consiste nell’assumersi ogni responsabilità in caso di reclamo minimizzando gli inconvenienti per la Direzione. È talmente bravo nel suo lavoro che non solo riesce puntualmente a far ritirare ogni minaccia di causa o richiesta di rimborso, ma finisce per incarnare il Capro Espiatorio perfetto anche quando un misterioso bombarolo inizia a prendere di mira i Grandi Magazzini…

Tornata a casa mi sono immersa nella lettura.
Avrei voluto definirlo un libro colorato. Nel raccontare dei Grandi Magazzini, del quartiere parigino di Belleville o della scombiccherata Famiglia Malaussène, dalle sue pagine si riversavano torrenti variopinti, che cambiavano forma e dimensione. Solo che Pennac quasi non fa cenno a colori nelle sue pagine. Suoni, luci, piatti, persone – ma colori no.
Altro che colorato, si tratta di un libro lisergico!

Perciò non posso affermare che mi sia piaciuto. Di certo non mi è spiaciuto. Tuttavia credo che distinguere tra ‘piacere’ e ‘non piacere’ abbia senso fino ad un certo punto, quando si parla di trip.
(Non appena mi sarò ripresa dai postumi, prenderò in mano La fata carabina)

Autore: Daniel PENNAC, pseudonimo di Daniel PENNACCHIONI
Editore: Feltrinelli   Anno: 1992 (Edizione originale: 1985)   204 pagg.
Titolo originale: Au bonheur des ogres
Traduttrice: Yasmina Melaouah
ISBN: 88-07-81210-X

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...