Oggi si fa la storia

Sono stati molti i travagli sino ad oggi, molti i ripensamenti, le incertezze, gli entusiasmi e le delusioni. Ma arriva un momento in cui la forza delle cose impone cambiamenti radicali e ci tocca riconoscere le svolte, anche se ciò significa affrontare nostre antiche posizioni, convincimenti, abitudini.

Eppure non si possono ignorare le correnti quando sono più forti di noi. Non possiamo ostinarci a camminare controvento, quando quel vento soffia anche dentro di noi e ci spinge in un’altra direzione.
E così, sono giunta a questo passo.
Cari Austen, Balzac, Flaubert, Tolstoj, Dickens, sorelle Brontë, Maupassant, George Eliot, Zola, Hugo, Elizabeth Gaskell, Dumas padre & figlio, John Keats, Fielding, Byron e Shelley (Mary): siete stati veramente degli interlocutori intriganti. Ma siamo nel ventunesimo secolo; devo aggiornarmi, passare almeno al ventesimo.

Ho comprato il cellulare.
Sto prendendo la patente.

Avrei dovuto capire prima io stessa il trend in cui mi sono cacciata.

Passo alla narrativa del Novecento.
(Quando si parla di svolte epocali per l’umanità).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...