Autunno

Autunno - www.anobii.comQuest'anno mi sono preoccupata per tempo della lettura autunnale, ma ho procrastinato parecchio il relativo post. Ho avuto un po' di sfortuna e qualche vicissitudine, ma la colpa è soprattutto mia, ahimé.
Nel corso delle ricercuzze per la sfida delle stagioni, ho scoperto che le stagioni godono di popolarità editoriali molto diverse. I libri estivi e primaverili sono in testa alla hit parade, quelli invernali non se la cavano male, grazie alle tematiche natalizie, mentre le storie autunnali languono senza speranza in fondo alla classifica.
Chissà perché.  L'autunno, con il suo tripudio di colori soffuso di malinconia, è decisamente la mia stagione preferita. Mi piace camminare per le vie del centro scaldandomi le mani con un cartoccio di caldarroste, e mi piacciono i piatti che richiedono l'accensione del forno; mi piace l'odore della legna che brucia nel camino e rifugiarmi sotto il piumone. Da piccola mi piaceva riprendere la scuola (ora sono meno entusiasta di riprendere università e lavoro). Insomma, ai miei occhi l'autunno possiede un fascino indiscutibile.

E' una malinconia diversa, allusiva al sonno che prelude alla morte, quella scelta da Delerm per rappresentare l'ideale estetico di Dante Gabriel Rossetti. Sebbene Autunno ambisca a raccontare le vicende del movimento preraffaellita nel suo complesso, con un'attenzione particolare alla trasformazione dell'effervescenza giovanile in riconoscimento consolidato, istituzionalizzato, i protagonisti assoluti rimangono Rossetti e la sua modella e musa: Elizabeth Siddal. Gli altri personaggi, da John Everett Millais a John Ruskin, rimangono dei comprimari ai limiti del macchiettismo, nonostante lo sforzo di Delerm si staccare pagine di lirismo anche per loro. Si segnala per inutilità e superficialità la comparsata allocchita del reverendo Charles Dogson, piuttosto imperdonabile per Delerm.
Curiosamente il personaggio più intrigante è proprio quello di Elizabeth Siddal, modista diciottenne diventata modella quasi per caso; affascinata dal mondo dell'arte e dalla propria immagine dipinta con le sembianze di santa, eroina, ideale intangibile e sfuggente, rimane imprigionata nel gioco dell'immaginazione di Rossetti al quale si era coscientemente prestata. Decide di incarnare quegli ideali crepuscolari che ispirano il suo artista e di vivere per sempre attraverso le sue tele, rinunciando in cambio ad ogni possibilità di essere amata per se stessa. Dante Gabriel Rossetti invece rimane enigmatico dal principio alla fine: forse dovrebbe incarnare un prototipo di artista maudit, ma non si capisce per quale ragione debba esserlo. Di lui si dice che beve, gira per bettole ed abusa di sostanze, ma non si accenna ai motivi di tanto turbamento. Il personaggio è interessante, anche coerente, ma manca interamente di movente. O forse è proprio questa assenza di motivazioni per vivere a costituire la ragione del suo malessere?

Non saprei, il libro mi ha lasciata perplessa. Delerm prende un periodo e dei personaggi di per sé interessanti, li impacchetta ben bene nella bambagia infiocchettata del suo stile di scrittura decisamente votato al lirismo, ma sin troppo spesso gli interventi di questo o quel personaggio sembrano artati per giustificare una nuova giravolta di metafore, orpelli, trine e bellurie stilistiche.

"Autunno il talento, l'amore, la solitudine, l'amicizia, e l'acre nostalgia per tutti gli impossibili. Autunno la sera che scende, che avvicina l'ombra e la luce. Autunno il passato, l'odore dolceamaro delle foglie cadute. Due uomini in Hyde Park. Gli alberi hanno il loro colore. La nebbia li confonde." (p. 241)

Autore: Philippe DELERM
Editore: Frassinelli   Anno: 2002 (Edizione originale: 1990)  243 pagg.
Titolo originale: Autumn
Traduttrice: Alessandra Emma Giagheddu
ISBN: 978-88-7684-702-8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...