Che cosa ci fa un morto nell’ascensore?

Che cosa ci fa un morto nell'ascensore? - www.anobii.comCi tenevo a postare qualcosa su questo libro, non perché sia in sé straordinario (per quanto gradevole, a dispetto delle aspettative suscitate dal titolo), ma più che altro perché mi fa sempre piacere parlare di narrativa coreana, così poco frequentata da editori e grande pubblico, più interessati a Giappone e Cina. Invece anche la Corea (del Sud) nell'ultimo decennio ha sfornato parecchie cose interessanti, dai film ai fumetti (in Italia ne sono usciti svariati, i migliori secondo me pubblicati da Flashbook), che sono andati ad invadere proprio i "giganti" Cina e Giappone come una vera e propria febbre (la Hallyu, ovvero la "Vague coreana"). In un recente drama di produzione taiwanese ho visto addirittura due ragazze alla moda che parlavano una sorta di gergo finto-coreano. Anche le relazioni con i Paesi vicini sono notevolmente migliorate grazie alla Hallyu, tanto che si potrebbe parlare di una "diplomazia dei drama". Dico sul serio! Ma torniamo al libro.

L'ispettore viene chiamato nonostante sia domenica per assistere un giovane agente, Cho, al suo primo caso di omicidio. Un uomo è stato trovato morto nel suo negozio di articoli fotografici, e naturalmente la prima sospettata è la giovane moglie. E' una donna attraente, avvolta da un'aura di malinconia. Non amava il marito né la ripetizione di una quotidianità piatta e monotona che a causa sua conduceva allo studio fotografico, ma non pare nemmeno averlo odiato per questo. Nel corso degli interrogatori però salta fuori anche un'altra storia: quella di un uomo che porta a sviluppare, fra le pose di paesaggi, anche quella del proprio piede nudo. Dopo qualche tempo, è la volta dell'ombelico. Incuriosita, la donna inizia a scambiare qualche parola con il fotografo insolito, ed in breve quegli scatti di nudo, sempre delicati, diventano una corrispondenza segreta che donano alla vita della donna un pizzico di sapore, una variazione della normalità a cui era rotta. Può celarsi in questo segreto svelato la chiave per la soluzione del crimine? E come potrà il nostro ispettore riuscire a rendere la natura della relazione fra i due entro gli schemi consueti delle scartoffie di polizia?

Omicidio nello studio fotografico è l'unico giallo della raccolta, che comprende cinque racconti piuttosto eterogenei. Volendo individuare un filo conduttore, potrebbe essere il fatto che in tutti e cinque i personaggi si trovano a vivere situazioni insolite, non previste dal senso comune o dal normale andamento delle cose. Ciononostante si trovano a fare i conti con la normalità, con le pressioni e richieste che presenta a ciascuno di noi. Così, il protagonista del primo racconto deve scegliere se fiondarsi al lavoro (per presentare un rapporto sull'ottimizzazione del consumo della carta igienica) od aiutare un uomo rimasto intrappolato nell'ascensore del suo condominio; l'hacker del terzo è costretto a confrontarsi con la legge quando cede al desiderio d'evasione; quella del quarto è incastrata nel matrimonio con un uomo che potrebbe essere un vampiro; il giovane sbandato del quinto -a mio avviso il meno originale ed il meno riuscito- vuole vendicarsi del cliente che ha menato la sua ragazza, ma deve agire al di fuori della legalità.
Kim è un "giovane autore" (classe 1968) che si può avvicinare alla Hallyu. La sua scrittura sembra piuttosto scarna, ma è gradevole, e soprattutto la sua verve narrativa è fresca, e fa sì che ogni racconto, semplicemente, funzioni.
ObarraO ha acquistato i diritti di un altro libro di Kim, un romanzo questa volta, ed attendo con impazienza che esca in libreria. ๐Ÿ™‚

Autore: KIM Young-Ha (๊น€์˜ํ•˜; traslitterazione corretta: KIM Yeong-Ha)
Editore: ObarraO   Anno: 2008 (Edizione originale: 1999)  135 pagg.
Titolo originale: ์—˜๋ฆฌ๋ฒ ์ดํ„ฐ์— ๋‚€ ๊ทธ ๋‚จ์ž๋Š” ์–ด๋–ป๊ฒŒ ๋˜์—ˆ๋‚˜
Traduzione del titolo: Che cosa è accaduto all'uomo incastrato nell'ascensore?
Traduttore: JUNG Imsuk
ISBN: 978-88-87510-50-8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...