Mujŏng /1

MujongMujŏng è considerato da molti critici un grande classico, nonché il romanzo inaugurale della stagione moderna della letteratura coreana. Naturalmente, dal momento in cui ho sentito fare questa affermazione, leggerlo è diventato un imperativo. Fortunatamente esiste una traduzione (se non altro in inglese), e la mia università la tiene. Perché leggerlo nell’originale del 1917 sarebbe stata un’impresa proibitiva, visto il mio coreano zoppicante.

La storia è incentrata su Yi Hyŏng-sik (이형식), un giovane idealista (ed un po’ tonto). Hyŏng-sik non aveva avuto un’infanzia semplice: orfano e privo di mezzi, era stato preso sotto l’ala del Maestro Pak, che gli aveva dato un’istruzione e gli aveva consentito di andare a proseguire gli studi a Tokyo. Rientrato in Corea, aveva trovato un posto di insegnante di inglese presso una scuola superiore di Seoul. Con i suoi titoli avrebbe potuto partecipare ad un concorso per un posto di un certo rilievo nella publica amministrazione, ma a Hyŏng-sik piace insegnare, e soprattutto gli piace cullarsi nell’idea di essere un modello ed una guida per i ragazzi che saranno la classe dirigente di domani. Sì, Hyŏng-sik è idealista, ingenuo ed un po’ presuntuoso.
All’inizio del romanzo lo incontriamo mentre va a dare lezioni private di inglese a Kim Sŏn-hyŏng (김선형), graziosa fanciulla di buona famiglia figlia del ricco ed influente Signor Kim. Kim ha chiesto a Hyŏng-sik di dare lezioni di inglese alla figlia con un secondo fine: ha messo gli occhi su di lui come potenziale genero e, siccome è di idee moderne, ha pensato di far conoscere i futuri sposi (a loro insaputa) prima di procedere con il matrimonio combinato. Hyŏng-sik non è indifferente alla grazia di Sŏn-hyŏng, ma è all’oscuro di tutto e pure un bel po’ imbranato di suo.
La storia potrebbe svilupparsi a partire da loro due, ma c’è un terzo personaggio in commedia: Pak Yŏng-ch’ae (박영채), figlia del Maestro Pak e destinata dal padre al suo pupillo Hyŏng-sik. La sorte non era però stata benevola con lei: durante il soggiorno giapponese di Hyŏng-sik, infatti, il padre era caduto in disgrazia. Pensando di emulare le figure di donne virtuose del passato esaltate dalla letteratura classica, Yŏng-ch’ae, ancora bambina, era diventata una kisaeng (un’intrattenitrice simile alla geisha) nella speranza di pagare la cauzione del padre e del fratello con i guadagni del suo lavoro. Le cose però non erano andate come aveva immaginato: il padre si era lasciato morire d’inedia per la vergogna del disonore piombato sulla figlia, e lei era rimasta intrappolata nel mondo dei fiori e dei salici. La sua ultima speranza era riposta in Hyŏng-sik, che considerava il suo promesso e per il quale aveva salvaguardato la sua virtù, rifiutando di prostituirsi.
Reincontrare Yŏng-ch’ae, divenuta negli anni una vera e propria bellezza, getta Hyŏng-sik nella confusione più totale. Qual è la ragazza che fa per lui? Il dovere lo lega a Yŏng-ch’ae, o dovrebbe pensare al domani e lasciarsi trasportare dall’infatuazione per Sŏn-hyŏng? Come cambiano le cose la perdita del lavoro di insegnante da parte sua, e la perdita della verginità da parte di Yŏng-ch’ae?
Ci saranno un tentato suicidio, una fuga ed un matrimonio, prima che un tifone non riunisca i personaggi principali sotto lo stesso tetto e li costringa a confrontarsi e ad accettare il corso degli eventi. Distese le relazioni fra i personaggi, e schiaritosi il cielo, potranno riprendere il treno che porterà ciascuno verso il suo futuro, chi in Giappone e chi negli Stati Uniti.

Il bandolo della psiche
Uno dei motivi per cui Mujŏng è considerato il primo romanzo coreano moderno è la sua attenzione alla psiche dei personaggi. La narrazione segue l’andamento dei pensieri e dei vissuti di Hyŏng-sik e Yŏng-ch’ae, e capita che interi capitoli non siano occupati da altro che dalle loro elucubrazioni.
meme FryLa vita interiore dei personaggi viene messa a nudo; nessuno ci fa una gran bella figura, ma di Hyŏng-sik in particolare emerge un ritratto imbarazzante. Ho scritto che è idealista, ma non è tutto: Hyŏng-sik infatti è presuntuoso, crede di avere una cultura ben più ampia di quanto non sia in realtà, è vanesio, incostante, e coltiva su se stesso una serie di illusioni lusinghiere una più infondata dell’altra. Non fosse per il suo candore, sarebbe insopportabile.
Kim Tong-in, critico e letterato del tempo di Yi Kwang-su, pur riconoscendo i meriti del romanzo aveva criticato l’incoerenza esasperante di Hyŏng-sik (p. 67); tuttavia, secondo Ann Sung-hi Lee, si tratta di un effetto voluto: Yi Kwang-su avrebbe mostrato i personaggi attraverso le lenti dell’ironia, probabilmente influenzato da Bocchan di Natsume Sōseki, pubblicato in Giappone dieci anni prima.
Certo è che la sua incoerenza raggiunge vette spettacolari. A poche pagine (e poche ore) di distanza, riesce a provare emozioni e formulare pensieri su Yŏng-ch’ae di segno completamente opposto.
«Hyŏng-sik pensò a Yŏng-ch’ae. Loro due sembravano condividere destini stranamente simili. Sentiva il proprio affetto per Yŏng-ch’ae divenire ancora più saldo. Devo sposarla, e dobbiamo starci accanto ed amarci per tutta la vita, pensò.» (p. 201)
Questi sono i suoi pensieri durante il viaggio per cercarla a P’yŏng-yang; ma Hyŏng-sik non ha fortuna e non la trova, e sulla via del ritorno si sente invece alleggerito da un peso, liberato dai sentimenti per Yŏng-ch’ae come se si fosse svegliato da un sogno (p. 219). C’è senz’altro dell’ironia nel prendere una banderuola come Hyŏng-sik e farne il protagonista di un romanzo psicologico.

[continua]

Autori: YI Kwang-Su (hangeul: 이광수 hanja: 李光洙) & Ann Sung-Hi LEE
Editore: Cornell University East Asia Program   Anno: 2005   375 pagg. (pagg. 1-74 Introduzione di Ann Sung-Hi Lee; pagg. 75-348 Mujŏng di Yi Kwang-Su; 349-375 Bibliografia e note)
Titolo completo: Yi Kwang-su and Modern Korean Literature: Mujŏng
Traduzione del titolo: Yi Kwang-su e la letteratura coreana moderna: Mujŏng
ISBN: 978-1-885445-27-8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...