Aprile 2017

Libri del mese:
HYŏN Chin’gŏn, A Lucky Day (운수 좋은 날), Asia publishers (Bi-lingual Edition Modern Korean Literature #87)
Inter-University Center for Japanese Language Studies (acd NISHIGUCHI Koichi e KONO Tamaki), Kanji in context [ Workbook Vol. 2 ] ―中・上級学習者のための漢字と語彙, The Japan Times
KIM Namch’ŏn, Barley (맥), Asia publishers (Bi-lingual Edition Modern Korean Literature #104)
Zadie SMITH, Cambiare idea, Minimum Fax

Fumetti del mese:
ZEROCALCARE, Dimentica il mio nome, Bao Publishing » ★★★★☆
TAKEUCHI Naoko, Maria, Kodansha (1 volume) » ★☆☆☆☆
TAKEUCHI Naoko, Prism Time, Kodansha (2 volumi) » ★☆☆☆☆
MOTOMI Kyousuke, QQ Sweeper, Flashbook » ★★★☆☆
YAMAMORI Mika, Tsubaki-chou Lonely Planet, Margaret, Shueisha (voll. 1-6) » ★★★★☆
HIKAWA Kyouko, Chotto Friday, Hana to Yume, Hakusensha (1 volume) » ★★★☆☆
HIKAWA Kyouko, Hoshi no Harmony, Hana to Yume, Hakusensha (1 volume) » ★★★☆☆
HINO Matsuri, Merupuri, Hana to Yume, Hakusensha (4 volumi) » ★★☆☆☆
TAMURA Yumi, Basara, Flower Comics, Shōgakkan (voll. 2/27) » ★★★☆☆

Musica del mese:
Angelo Branduardi ❤
Madonna, You’ll see
Sigle e OST di Sailor Moon
Kraftwerk, Trans-Europe Express

Film del mese:
KIM Hyun-seok, Cyrano Agency (시라노; 연애조작단; Sirano; yeonae jojakdan; Corea del Sud, 2010)² (Non è che sia la fine del mondo come film, ho dovuto rivederlo per l’università.)
CHOI Dong-hoon, Assassination (암살; Amsal; Corea del Sud, 2015)

TV del mese:
Gazebo (Rai3)
Have I got news for you (BBC One)
Real Time with Bill Mayer (HBO)
Last Week Tonight with John Oliver (HBO)
Late Night with Seth Meyers (NBC)
The Late Show with Stephen Colbert (CBS)
The Plantagenets (3 episodi; UK, BBC Two, 2014)

Strada facendo

Sono trascorsi più di dieci anni dall’apertura di Asaki. Non avevo grandi pretese: cercavo un modo per archiviare gli appunti di lettura, ed una compagna di università mi consigliò di farne un blog.
Si era negli anni dell’effervescenza dei blog in Italia, e la vivacità della comunità di Splinder (buonanima) mi incuriosiva. Mi lasciai tentare anche dal sistema automatizzato di pubblicazione dei blog, così pratico se paragonato alla più macchinosa creazione di pagine web in codice html. Così aprii Asaki su Splinder, e da allora è passata molta acqua sotto i ponti.
rabbit-emoticon-020

Nel 2011 Splinder ha annunciato la chiusura della piattaforma di blogging, provocando una diaspora: alcuni blog si sono trasferiti su altre piattaforme, altri hanno semplicemente chiuso i battenti; l’effetto più deleterio però è stata la dispersione della comunità di lettori/autori. Asaki ha traslocato qui su WordPress, perdendo per strada pezzi di formattazione dei vecchi post, insieme a buona parte dei suoi lettori abituali. Pazienza.
I cambiamenti non sono stati solo di ordine tecnico; hanno riguardato anche la mia vita. Mi sono laureata (due volte), ho cambiato diversi lavori, e quasi tre anni fa ho preso la via dell’Oriente.
rabbit-emoticon-010

A novembre Asaki ha compiuto dieci anni ed è iniziato un lungo ripensamento: cosa farne? Continuare a parlare di libri, senz’altro; ma sono diventata più ambiziosa. C’è il desiderio di scrivere meglio, di razionalizzare l’uso delle varie piattaforme, e anche quello di giocare di più con personaggi e storie.
Questo ripensamento però è inciampato nel lavoro di tesi (il terzo, e spero non quello fatale): inevitabilmente per alcuni mesi dovrò diradare l’attività sul blog. (Senza contare le complicazioni impreviste – come la decisione unilaterale di Instagram di bloccare l’account che stavo usando come diario spicciolo di lettura.)
rabbit-emoticon-002

Perciò Asaki rimane attivo, ma fino all’estate funzionerà a risparmio. Le novità che ho in mente, di layout e contenuti, richiedono tempo e studio perciò saranno avviate quando il lavoro di tesi me ne lascerà il tempo. L’obiettivo che mi sono data è aver completato il rinnovamento di Asaki entro l’undicesimo anniversario.
Fino ad allora, spero che i miei venti lettori continueranno a visitare queste pagine. Per parte mia continuerò a leggere, arricciare il naso, entusiasmarmi, fare domande, imparare cose nuove, e a volerne scrivere. Asaki rimane la mia gioiosa oasi di lettura.

onion_te

Marzo 2017

Libri del mese:
Alexander KEY, Conan il ragazzo del futuro, Kappa Edizioni
YU Chin-o, Lecturer Kim and Professor T (김강사와 T교수), Asia publishers (Bi-lingual Edition Modern Korean Literature #92)
KIM Tong-ni, Tŭngsin-bul (등신불), Asia publishers (Bi-lingual Edition Modern Korean Literature #107)
Betty NEELS, A girl named Rose, Harlequin
Luciana LITTIZZETTO e Franca VALERI, L’educazione delle fanciulle. Dialogo tra due signorine perbene, Einaudi
Laura INGALLS WILDER, Little House in the Big Woods, Easton Press
Ursula LE GUIN, Le tombe di Atuan, Mondadori (Saga di Terramare, #2)

Musica del mese:
Poca musica, soprattutto Dvorak

Film del mese:
KANG Hyeong-cheol, Scandal Makers (과속스캔들; Corea del Sud, 2008)
LEE Jun-ik, Radio Star (라디오스타; Corea del Sud, 2006)

TV del mese:
Philip SMITH, Frankenstein and the Vampyre: A Dark and Stormy Night (UK, BBC2, 2014)
Gazebo (Rai3)
Real Time with Bill Mayer (HBO)
Last Week Tonight with John Oliver (HBO)
The Late Show with Stephen Colbert (CBS)
Late Night with Seth Meyers (NBC)

Febbraio 2017

Libri del mese:
Matteo BUSSOLA, Notti in bianco, baci a colazione, Einaudi
Ursula LE GUIN, Il mago, Mondadori (Saga di Terramare, #1)
Diana PALMER, Winter Roses, Harlequin (Long, Tall Texans Series #32)
Diana PALMER, Callaghan’s Bride, Silhouette (Long, Tall Texans Series #16)
Diana PALMER, Coltrain’s Proposal, Harlequin (Long, Tall Texans Series #13)
Megan BRYCE, To Catch a Spinster, Kindle Edition (The Reluctant Bride Collection #1)
Diana PALMER, After the Music, Mira Books
Mary BALOGH, The Temporary Wife, Signet
Diana PALMER, A Man of Means, Harlequin (Long, Tall Texans Series #21)
Mary BALOGH, The Wood Nymph, Signet
Mary BALOGH, A Matter of Class, Signet
Mary BALOGH, The Lady with the Black Umbrella, Signet
Diana PALMER, The Patient Nurse, Silhouette
Diana PALMER, Diamond Girl, Mira Books
Diana PALMER, The Wedding in White, Silhouette (The Men of Medicine Ridge Series #2)
Miranda LEE, The Millionaire’s Mistress, Harlequin — che potrebbe aver già vinto la palma di peggior libro dell’anno. O del decennio.
KIM Tong-in, Potatoes (감자), Asia publishers (Bi-lingual Edition Modern Korean Literature #86)
KIM Namcheon, Scenes from the Enlightenment: A Novel of Manners, Dalkey Archive Press (Library of Korean Literature #14)

Libri comprati/ricevuti:
Dopo la sbornia degli ultimi mesi, pausa.

Musica del mese:
Un altro mese di grande casino musicale
Chuck Berry, You never can tell
Queen, I was born to love you (Queen forever version)
Marilyn Manson, The dope show
Ronnettes, Elvis, Beach Boys, Ermal Meta
Pet Shop Boys

Film del mese:
Sally WAINWRIGHT, To walk invisible (UK, 2016)

TV del mese:
Gazebo (Rai3)
Real Time with Bill Mayer (HBO)
Last Week Tonight with John Oliver (HBO)
Late Night with Seth Meyers (NBC)
The Late Show with Stephen Colbert (CBS)

Radio del mese:
Wikiradio

Gennaio 2017

Libri del mese:
Giovanni BELARDELLI, Il Ventennio degli intellettuali. Cultura, politica, ideologia nell’Italia fascista, Laterza
Giovanni SEDITA, Gli intellettuali di Mussolini. La cultura finanziata dal fascismo, Le Lettere
Henri FOCILLON, Hokusai, Abscondita
Michael Edson ROBINSON, Cultural Nationalism in Colonial Korea, 1920-1925, University of Washington Press
Paul CORNER, Italia fascista. Politica e opinione popolare sotto la dittatura, Carocci
Ernst Theodor Amadeus HOFFMANN, Notturni, L’Orma Editore
LEE Jung-myung, La regola del quadro, Frassinelli

Libri comprati/ricevuti:
ÔOKA Shôhei, La guerra del soldato Tamura, Einaudi
Benedetto CROCE e Giovanni GENTILE, 1925 I due manifesti. Il manifesto degli intellettuali fascisti e Il manifesto degli intellettuali antifascisti, Aragno

Musica del mese:
Mese di grande confusione. Però stamattina ho chiuso in bellezza con Chuck Berry e You never can tell. ConiglioPazzo050

Film del mese:
Tom McCarthy, Spotlight (US, 2015)
Gareth Edwards, Rogue One: A Star Wars Story (Stati Uniti, 2016)
Stephen Frears, Florence Foster Jenkins (Stati Uniti, 2016)
kwak Jae-Yong, Time Renegades (시간이탈자, Sikan it’alja; Corea del Sud, 2016)
Shinkai Makoto, Your name. ( 君の名は。, Kimi no na wa.; Giappone, 2016)

TV del mese:
Nigeru wa haji da ga yaku ni tatsu ( 逃げるは恥だが役に立つ | Scappare è da codardi, ma torna comodo; 11 episodi; Giappone, TBS, 2016) –  ★★★★★
Gazebo (Rai3)

Duemilaesedici

Finalmente, finalmente questo anno tremendo è finito. Non c’è alcun motivo per credere che l’anno che viene sarà molto migliore, visto che alcuni problemi di fondo ci sono tutti, ma mi piace approfittare della discontinuità, anche solo simbolica, fra anno vecchio e anno nuovo, per sperare.
Venendo alle letture, stando alla contabilità di anobii nel duemilaesedici avrei letto 64 libri (19’104 pagine), la prima reale ripresa dopo la flessione iniziata nel 2012. Il merito è dovuto solo in parte alla nutrita infornata di romanzi rosa che lessi nel paio di settimane di febbraio per svernare sotto il piumone mentre il termometro, a Seoul, stazionava ben al di sotto dei dieci gradi sottozero. Quest’anno non potrò permettermi il medesimo lusso: dieci o venti gradi sottozero che saranno, dovrò infagottarmi per bene ed andare in biblioteca a lavorare alla tesi.

Narrativa
Quest’anno la narrativa non ha pesato molto, né qualitativamente né quantitativamente. Ciò è dovuto in parte ai tempi, siccome lo studio mi ha fatto sacrificare la letteratura sin troppo spesso, e in parte al mezzo, perché non c’è niente da fare, non avere in mano un libro cartaceo mi priva di una discreta porzione del piacere della lettura. Ciononostante, non sono mancate delle eccezioni.

stonerJohn WILLIAMS, Stoner (Fazi)
Sul romanzo “perfetto” di John Williams che racconta la storia banale di un uomo banale (davvero così banale? Non ne sarei troppo sicura. Senz’altro era banale agli occhi di tutti gli altri personaggi che popolano il romanzo) sono già stati spesi fiumi di inchiostro. Non ho letto quasi nulla della critica letteraria prodotta in proposito, e mi sono ripromessa di rimediare, prima o poi. E anche di rileggere il romanzo. Perché è bellissimo, punto e chiuso.

Georgette HEYER, Frederica (Arrow)frederica
Georgette Heyer è stata un’autrice prolifica di romanzi gialli (brevemente) e rosa (molto a lungo) ed è stata fra le creatrici del Romanzo Rosa Regency. Se è vero che la Heyer ha fissato una serie di canoni e stereotipi del RRR alla lunga francamente stucchevoli, le va riconosciuto di aver avuto il dono del senso dell’umorismo. Non tutti i suoi romanzi sono memorabili, ma These Old Shades (La pedina scambiata), e ancor di più Frederica (Frederica), sono strepitosi.
L’eroina eponima, Frederica, cerca l’aiuto di un lontano cugino, Lord Alverstoke, per il debutto in società della sorella minore e per la cura dei due fratellini. Qualcosa nella cugina e nella sua turbolenta tribù incapriccia Lord Alverstoke, dandy londinese cinico, sarcastico e accidioso, che acconsente ad aiutarli. Alverstroke non lo immagina (o forse sotto sotto lo desidera), ma Frederica e fratelli lo cacceranno in un mare di guai. Ho riso fino alle lacrime.

arcobalenoYOSHIMOTO Banana, Arcobaleno (Feltrinelli)
Strano caso di rilettura. Non ho alcuna annotazione sulla prima lettura (date, impressioni: niente), ma sono certa che abbia avuto luogo. Solo che non mi ricordavo nulla del libro. Zero. E rimanevo curiosa. Così mi sono procurata l’epub e ne ho fatto la rilettura di quest’anno. Man mano che la lettura procedeva, ricordi vaghi riaffioravano a sprazzi, confermandomi nella convinzione di averlo già letto, ed insinuandomi il dubbio di aver capito poco del romanzo nel corso della prima lettura.
Eiko, la ragazza fra i venti ed i trenta tipica protagonista dei romanzi della Banana, finisce a fare le pulizie di casa per il proprietario del ristorante di cucina indonesiana per il quale aveva lavorato come cameriera. Eiko si è trasferita a Tōkyō in cerca di indipendenza, ma (da brava protagonista bananiana) si è portata appresso dalla sua cittadina di provincia un atteggiamento di amore rispettoso per la natura e per il suo lavoro. E così, occupandosi delle piante e degli animali di casa, avvia una comunicazione senza parole con il signor Takada, che diventa il punto di inizio di una incerta storia d’amore.
Non si tratta di un romanzo travolgente, ma forse proprio in virtù della sua medietà mostra meglio di altri la propria struttura, ed aiuta a capire la poetica e la scrittura della Banana. Avevo iniziato a prendere appunti per un post, ma il lavoro è rmasto a mezzo e così, per completarlo, dovrei leggerlo una terza volta. Magari. Un altro anno.

Saggistica
Mark E. CAPRIO, Japan’s Assimilation Policies in Colonial Korea, 1910-1945japans-assimilation-policies (University of Washington Press)
Parla delle politiche di integrazione, assimilazione e discriminazione all’interno di entità politiche multietniche/multinazionali, della loro efficiacia, e dell’impatto della costruzione dell’idea di nazione sulla tenuta di tali unità. Il caso studiato in maggior dettaglio nel libro, come suggerito dal titolo, è quello della Corea coloniale inglobata nell’Impero giapponese; tuttavia la questione si è proposta in ogni continente, in diverse fase storiche, ed è attuale tutt’oggi.

brokers-of-empireJun UCHIDA, Brokers of Empire. Japanese Settler Colonialism in Korea, 1876-1945 (Harvard University Asia Center)
Quello che succede in una colonia, quando le autorità, la minoranza di coloni e la maggioranza di nativi hanno priorità e prospettive (economiche, politiche, sociali) alquanto diverse. Chi e quando può formare alleanze, quali forze possono premere per l’integrazione o per la discriminazione, quali sono le condizioni per formare sinergie e promuovere politiche comuni.

Carter J. ECKERT, Park Chung Hee and Modern Korea. The Roots of Militarism pch-and-modern-korea1866-1945 (The Belknap Press of Harvard University Press)
Un altro libro di storia che tratta di un argomento allo stesso tempo molto specifico (la formazione di Park Chung Hee, destinato a diventare l’uomo forte della Corea del Sud dal 1961 al 1979, presso la scuola ufficiali dell’esercito imperiale giapponese in Manciuria) e molto ampio (Cosa succede quando una classe dirigente è formata in un ambiente chiuso? Quando i valori promossi sono un certo sprezzo per il materialismo, per chi fa politica, e la convinzione di poter raggiungere qualsiasi risultato, a dispetto delle circostanze oggettive, se si è abbatanza determinati?)

Buoni propositi per il 2017
Ho una tesi da scrivere, quindi avrò pretese modeste… rabbit-1-smiley-024
⇝ Almeno due libri di letteratura in lingua inglese
⇝ Un libro di narrativa giapponese in lingua
⇝ Un libro di narrativa coreana in lingua
⇝ Un romanzo africano
⇝ Un romanzo nordeuropeo
⇝ Una raccolta di fiabe
⇝ Una rilettura
Inoltre, se finisco la tesi entro giugno:rabbit-1-smiley-005
⇢ Un classico filosofico (possibilmente il primo volume dei Saggi di Montaigne)
⇢ Un classico antropologico (ho in mente How “Natives” Think. About Captain Cook, for Example di Marshall Sahlins)
⇢ Tre libri di storia giapponese/coreana moderna non legati alla tesi

onion_te

Dicembre 2016

Libri del mese:
Carter J. ECKERT, Park Chung Hee and Modern Korea. The Roots of Militarism 1866-1945, The Belknap Press of Harvard University Press
John WILLIAMS, Stoner, Fazi
Carla KELLY, Reforming Lord Ragsdale, Signet
Jean RHYS, Wide Sargasso Sea, Norton
KIM Mihyun, LEE Kwangho, WU Chanje e YI Nam-ho, Twentieth-Century Korean Literature, Eastbridge
Giorgio MANGANELLI, Vita di Samuel Johnson, Adelphi
TAYAMA Katai, Il futon, Sellerio
Michael SCHOENHALS e Karin SARSENOV (acd), Imagining Mass Dictatorships. The Individual and the Masses in Literature and Cinema, Palgrave

Libri comprati:
KIM Ch’eol e SIN Hyeongki (et al.), Il fascismo in letteratura, Samin | 김철 신형기 외 지음, 「문학속의 파시즘」, 삼인
SONG Min-ho, Studio sulla letteratura del tardo periodo imperiale giapponese, Saemunsa | 송민호 (宋敏鎬), 「일제말 암흑기 문학연구」, 새문社
Henri FOCILLON, Hokusai, Anscondita
HWANG Seok-yeong, Bianca come la luna, Einaudi
LEE Jung-myung, La regola del quadro, Frassinelli
Danly Robert LYONS + HIGUCHI Ichiyo, In the Shade of Spring Leaves: The Life of Higuchi Ichiyo, with Nine of Her Best Stories, Norton
Roque LARRAQUY, Rapporto sugli ectoplasmi animali di Buenos Aires, Gallucci
Louise YOUNG, Japan’s Total Empire. Manchuria and the Culture of Wartime Imperialism, University of California Press
Carter J. ECKERT, Offspring of Empire. The Koch’ang Kims and the Colonial Origins of Korean Capitalism, 1876-1945, University of Washington Press
Michael Edson ROBINSON, Cultural Nationalism in Colonial Korea, 1920-1925, University of Washington Press
Jun UCHIDA, Brokers of Empire. Japanese Settler Colonialism in Korea, 1876-1945, Harvard University Press
Stefan TANAKA, New Times in Modern Japan, Princeton University Press
Peter DUUS , Ramon H. MYERS, e Mark R. PEATTIE (acd), The Japanese Wartime Empire, 1931-1945, Princeton University Press
YI Ki-yŏng, Il villaggio e altri racconti, Editrice Letteratura e Pensiero | 이기영, 「민촌」, 문학과지성사
PANG Min-ho (acd), Modern essay, L’isola dei libri | 방민호 엮음,「민촌」, 책읅는 섬
JEONG Bong-kwan, Strane storie di Kyŏngsŏng. Delitti e scandali eclatanti di Chŏson moderno, Sallim | 전봉관, 「경성기담. 근대 조선을 뒨든 살인과 스갠들」, 살림
KANG Yŏng-sim et al., La vita quotidiana moderna sotto l’impero giapponese e la cultura coloniale, Ewha Women’s University Press |  강영싱 외 지음, 「일제 기시 근대적 일상과 식민지 문화」, 이화여자대학교출판부
SUH Serk-Bae, Treacherous Translation. Culture, Nationalism, and Colonialism in Korea and Japan from the 1910s to the 1960s, University of California Press
Janet POOLE, When the Future Disappears. The Modernist Imagination in Late Colonial Korea, Columbia University Press
…sì, ho fatto acquisti sconsiderati e sì, ho speso in libri una cifra da capogiro.rabbit-1-smiley-016

Libri ricevuti:
LI Ruzhen, Destini dei fiori nello specchio, ObarraO
E. T. A. HOFFMANN, Notturni, L’Orma
TAYAMA Katai, Il futon, Marsilio
HAYASHI Fumiko, Lampi, Marsilio
UEDA Akinari, Racconti della pioggia di primavera, Marsilio
MORI Ōgai, L’oca selvatica, Marsilio
Paul CORNER (acd), Il consenso totalitario. Opinione pubblica e opinione popolare sotto fascismo, nazismo e comunismo, Laterza

E, a sorpresa:
Luigi ZOJA, Centauri. Mito e violenza maschile, Laterza
Claude LÉVI-STRAUSS, L’altra faccia della luna. Scritti sul Giappone, Bompiani

Musica del mese:
Cavalieri del Re
Vivaldi misto

TV del mese:
Sherlock (Seconda serie, 3 episodi; Regno Unito, BBC 1, 2012) – ★★★★☆
Sherlock (Terza serie, 3 episodi; Regno Unito, BBC 1, 2014) – ★★★★☆
Gazebo (Rai3)