Una strega in paradiso

Una strega in paradiso_1958-locandina-214x300Quest’anno ho trascorso buona parte dell’estate a Milano, ed ho approfittato della programmazione mai scontata della Cineteca Spazio Oberdan (in particolare delle rassegne dedicate a James Stewart e John Huston) per scoprire, o riscoprire, qualche vecchio classico. Solitamente la cosa funzionava così: davo un’occhiata alla trama sul programma, con qualche perplessità entravo in sala, ed uscivo dalla proiezione deliziata.
È stato così anche per Una strega in paradiso: sono andata al cinema chiedendomi se fosse proprio necessaria l’ennesima commedia romantica con elementi soprannaturali, nonostante il cast da urlo, e sono uscita contenta di aver acchiappato al volo l’occasione più unica che rara di una proiezione.
Continua a leggere

Annunci

Big Fish & Begonia

Big Fish e Begonia-1Il secondo film di animazione che sono andata a vedere questa estate è stato Big Fish & Begonia, una produzione cinese colossale. Ero rimasta intrigata dalle locandine promozionali spuntate come funghi nei conbini quando ancora abitavo a Seoul, ma l’idea di andare a vedere un film in cinese sottotitolato in coreano (o peggio ancora, doppiato in coreano) mi aveva fatta desistere. Perciò quando l’ho trovato in programmazione alla Cineteca Spazio Oberdan, non me lo sono lasciata sfuggire. Continuo a ripetermi quanto sia stata fortunata.
Continua a leggere

Mary e il Fiore della Strega

Mary e il fiore della strega-1Erano tanti anni che non trascorrevo l’estate a Milano. Quando ero piccola, Milano in estate era una distesa di palazzi vuoti, di strade deserte, e di serrande calate con il cartello delle ferie scritto a pennarellone nero; i panettieri aperti erano più rari delle farmacie di turno, ed era impossibile muoversi con un mezzo diverso dalla bicicletta perché i mezzi pubblici erano come i fantasmi: tutti ne parlavano, ma nessuno ne vedeva mai uno in giro. Adesso invece Milano in estate, temperature e afa permettendo, è diventata estremamente godibile. Parchi, musei, cinema e gelaterie sono aperti: cosa si può chiedere di più? Così, quando nelle scorse settimane sono usciti al cinema due film di animazione, non me li sono lasciata scappare.
Continua a leggere

La grande bellezza

La grande bellezza-locandinaSiccome tutti ne parlano, anzi, impazza la polemica, posso ben dire anch’io la mia. Visto che ne ho sentite dire di tutti i colori, è improbabile che possa peggiorare la qualità della discussione.
ConiglioPazzo050

Il film inizia con la festa per il sessantacinquesimo di compleanno di Jep Gambardella, il nostro protagonista: oggi lavora per una rivista in qualità di articolista d’arte; in gioventù aveva scritto un unico romanzo il cui discreto successo gli aveva aperto le porte, a ventisei anni, della mondanità romana. I soli lasciti di quel romanzo sono una sorta di profumo di raffinatezza artistica, rimastogli addosso come un dopobarba, e l’eco distante di quel successo ormai inghiottito dal tempo e dall’accidia. Continua a leggere