Prudenti come serpenti

Prudenti come serpentiIo e questo romanzo ci siamo incrociati una prima volta in Azalai quando lui era ancora una novità e si pavoneggiava, la copertina su tonalità naturali e l’aria un po’ sfrontata di chi ancora non si è gettato nella mischia. Lo snobbai con un’arricciata di naso ed un tocco di sufficienza per dirigermi allo scaffale dedicato al Giappone, che è sempre la mia meta quando vado lì. Ho pensato che non ci saremmo più incontrati; ma mi sbagliavo. Così alla fine, senza neanche leggere bene la trama, l’ho iniziato e bam!, mi ha intrigata dalla prima all’ultima pagina.

Tutto inizia con il matrimonio di Bolanle e Baba Segi. Baba Segi è chiaramente irretito dalla particolarità di Bolanle, dalla sua giovane freschezza; meno chiaro è invece cosa ci trovi lei. Quando Bolanle dà in casa la notizia scoppia il putiferio: non l’hanno certo fatta studiare per vederla diventare la quarta moglie di un flaccido poligamo di mezz’età. Continua a leggere

Annunci