Incanto poetico e crisi del cosmo. Le stelle gemelle di Miyazawa Kenji

Stelle gemelle300x450Il mese scorso sono andata a Bookpride, la fiera degli editori indipendenti, e non ho saputo resistere a due novità in uscita: una delle due è Le stelle gemelle, una raccolta di racconti per l’infanzia (e non solo) di Miyazawa Kenji.
Miyazawa non ha ancora avuto molta fortuna in Italia, ma la sua opera ha ispirato molti autori di serie e cinema di animazione in Giappone. Nell’opinione corrente è associato alla creazione di un mondo incantato a cui hanno accesso solo coloro che hanno mantenuto la loro innocenza.
Nei racconti di questa raccolta, tuttavia, al di sotto dell’incanto poetico per lo spendore della natura si avvertono movimenti misteriosi e destabilizzanti, che stridono con l’immagine dell’inoffensivo autore per bambini.
Continua a leggere

Annunci

Babayaga

BabayagaLa Babayaga è un’orchessa della tradizione russa. Da piccina la fiaba della Babayaga e di Vassilissa la bella era seconda solamente a quella di “Mamai-senza-dio, cane fetente”. Sono stata ben contenta di scoprire che ne esiste una versione illustrata da Rébecca Dautremer.

Babayaga è una bambina bruttarella che viene presa in giro dai compagni di classe per via dell’unico dente che le balla in bocca. Un bel giorno sfoga la frustrazione mangiandosi un cane, e la cosa le va a genio. Quando i suoi vengono a sapere che da grande vuole fare l’orchessa e mangiare bambini, i genitori non trovano di meglio che cacciarla di casa.

Nel fitto del bosco si costruisce una casetta ed apre il ristorantino “Il bambino arrosto”, invero non molto frequentato.
Continua a leggere

Harry Potter and the Order of the Phoenix

HP and the Order of the Phoenix.jpg

Confesso di essere parecchio delusa… durante tutta la lettura ho avuto la sgradevole impressione che Harry Potter and the Order of the Phoenix, quinto episodio della saga harrypotteriana, sia più che altro un romanzo di raccordo con gli ultimi due, che, a naso, saranno occupati rispettivamente dal dispiegarsi delle condizioni per la grande battaglia finale e dalla battaglia finale medesima. Non correggetemi se sbaglio perché non vorrei mi rovinaste la sorpresa… la prossima volta che vado in biblioteca prenderò il sesto romanzo.

Tornato ad Hogwarts, nella snervante attesa di una ripresa delle attività di Voldemort (che nome scemo, scusate ma proprio lo devo dire… magari ad un anglofono suona tenebroso, ma a me fa solo ridere^^), Harry deve affrontare lo scetticismo dei compagni, che non credono al ritorno dell’Oscuro Signore, del Ministro della Magia Cornelius Fudge (sì, Fudge proprio come i fudge – chiunque sia stato nelle Isole Britanniche credo se li ricordi) che tenta con ogni mezzo di mettere sotto il proprio diretto controllo la vita di Hogwarts, ed anche dell’intero mondo della magia. Ce la faranno i nostri eroi a convincere il mondo che Voldemort è tornato e va nuovamente combattuto, nonché a superare gli esami?

Continua a leggere

Harry Potter and the Goblet of Fire

HP and the Globet of Fire

Se fossi entrata ad Hogwarts invece che al Berchet, sarei stata una Ravenclaw (non mi ricordo assolutamente come era stato adattato in italiano).

Beh, che dire? La Rowling è un genio. Non tanto per la solita manfrina “ha creato da sé un universo” che vanno blaterando anche i tolkeniani… chiunque può creare un universo. Sono ben pochi però a riuscire a narrarlo. Lei ci riesce. Per questo secondo me è un genio.

Riesce a narrare qualsiasi cosa, evocando situazioni ed atmosfere estremamente complesse a partire dall’elaborazione di sensazioni semplici, elementari talvolta.

Continua a leggere