La fine del dibattito pubblico

Fine del dibattito pubblico_9788807173141
Non so quanti altri si trovino nella mia condizione, ma non apro quasi più facebook perché non ce la faccio più a leggere quello che scrivono i miei contatti. Ho conoscenti simpatizzanti di destra autoritaria, di sinistra anticapitalista, cattolici tradizionalisti, e pur non condividendo molte delle loro opinioni – anzi, proprio perché non le condivido – sono interessata al loro modo di vedere le cose. Divergenze e convergenze sono rimaste sempre quelle, ma le parole si sono fatte via via più perentorie e oltranziste, il confronto aggressivo e sterile. Discuterne non è servito a niente, così ho deciso di seguire l’esortazione di Virgilio a Dante: Non ragioniam di lor, ma guarda e passa. Perché non ne posso più. Ma non è una soluzione.

Questo tipo di aggressività non si incontra solo nei discorsi che fa la gente: gli stessi toni rimbombano da anni nelle dichiarazioni di molti esponenti politici e negli interventi di non pochi giornalisti. Di recente alcuni commentatori hanno puntato il dito contro i social media, ma Mark Thompson – una carriera dietro le quinte di varie testate giornalistiche – inserisce la sua analisi in una una visuale più ampia e riconduce la crisi di istituzioni politiche, organi di informazione, e sfera pubblica al degrado del discorso pubblico.
Continua a leggere

Annunci

Progetto di legge per vietare alle donne di imparare a leggere

Progetto di legge per vietare alle donne.jpgLa prima volta che ho sentito nominare questo libro è stato su Glob, ma siccome sbadatamente non mi ero appuntata il titolo, è finito nel dimenticatoio per parecchio tempo. Finché, un bel giorno, non lo vedo spuntare da una libreria anobiana che seguo! E’ proprio vero che le vie dei libri sono infinite. O si potrebbe anche dire che non sono poi molte e che ne bazzico un bel numero. Silvain Maréchal ne vide e ne combinò di tutti i colori: giornalista d’assalto durante la Rivoluzione francese, acceso anticlericale, subì diversi procedimenti penali (compresa la carcerazione) per il carattere scandaloso, blasfemo, osceno o tutte e tre le cose insieme delle sue opere. Su posizioni ancora più radicali di quelle dei Montagnardi, partecipò alla stesura del Manifesto della Congiura degli Eguali di Babeuf e Bonarroti (1796). Insomma, un bel tipo.
Continua a leggere