1938

1938-ascesaNegli ultimi mesi, ispirata in parte dall’attualità politica, in parte da quella che è stata benevolmente definita come una mia peculiare forma di paranoia, ho rispolverato il mio antico interesse per l’oltranzismo e gli ordinamenti politici antidemocratici.
Vorrei capire meglio due cose soprattutto: per un verso, quali sono i gangli all’interno delle istituzioni democratiche facendo pressione sui quali è possibile riorientare l’operare dell’istituzione conservandone nella misura maggiore possibile l’assetto (rendendo la conversione dell’operato istituzionale pressoché impampabile dal punto di vista delle procedure ma sostanziale da quello degli effetti); per un altro, quali sono i discorsi pubblici, le teorie dello stato e le ideologie che preconizzano, indirizzano e giustificano tale conversione istituzionale. Terzo ma non ultimo, mi piacerebbe conoscere meglio le condizioni materiali (in particolare, ma non esclusivamente, quelle economiche) che hanno accompagnato questi passaggi storici.
Si tratta di propositi presuntuosi, ma non ho chissà quali pretese: mi basta leggere di tanto in tanto qualche libro di storia, qualche libro di filosofia politica, e rimuginarci su. Continua a leggere

Annunci